• Views2217 Views
  • Comments no responses

RICONOSCERE i tagli meno noti del MANZO aiuta indubbiamente a risparmiare qualche soldino ottenendo però un risultato finale dal gusto inaspettato. Pensiamo all’ossobuco, ricavato da una parte di taglio di manzo di terza categoria.

QUALCHE SUGGERIMENTO MOLTO UTILE

GERETTO

È lo stinco del bovino, anteriore o posteriore, può essere utilizzato per preparare appunto l’ossobuco o fare arrosto o lesso, per un ottimo brodo. 

SCALFO 

Non è semplice reperirlo in macelleria. È la parte anteriore della coscia. Pieno di grasso e di membrane, si usa per spezzatini che richiedono una lunga cottura o per il ragù. 

BIANCOSTATO 

Taglio molto conosciuto e semplice da reperire, è importante per un buon bollito misto, aiuta a rendere squisito il brodo.

Disossato, si può usare per uno spezzatino con patate. 

PUNTA DI PETTO 

Anche questo è un taglio molto noto , anche se non tutti colgono bene il suo corretto utilizzo, è in realtà fra i più gustosi ed è perfetto per lunghe cotture a fuoco lento. Perfetto per brodo e bollito, ottimo come arrosto. Gli appassionati di barbecue lo usano per preparare il celebre brisket americano: una carne marinata e affumicata a lungo (almeno 4-5 ore).

PANCIA E PETTO. Questi due tagli, di forma piatta e consistenza un po’ cartilaginosa, sono tra i più economici del vitello, a torto considerati di scarso valore gastronomico. Bastano pochi accorgimenti per ottenere ottimi risultati: sono infatti la base ideale per arrosti arrotolati e farciti

nei banconi dal macellaio.