• Views1577 Views
  • Comments no responses

Le spezie sono prodotti vegetali con proprietà aromatiche utilizzate per dare profumo o sapore agli alimenti. Sono ricavate dalla corteccia (ad esempio la cannella), dal frutto (ad esempio il pepe nero), dai semi (ad esempio la noce moscata) o da altre parti della pianta. Il loro effetto è quello di insaporire o dare carattere alle pietanze. La scienza moderna sta confermando molte qualità terapeutiche di queste sostanze, molte di esse infatti vengono utilizzati nei nutraceutici.

La maggior parte delle spezie provengono dal misterioso Oriente ma molte sono coltivate anche nella splendida Africa, non dimentichiamo che anche qui in Europa ce ne sono diverse, oggi parleremo delle spezie provenienti dall’Europa e dall’Africa.

Ma vediamo quali sono le loro caratteristiche:

Cannella: proviene dall’India ha funzioni digestive è un buon disinfettante gastrico, antibatterico, utile in caso di raffreddore e leggermente afrodisiaco. Molto usata nella preparazione di dolci, biscotti, tisane.

Miscela delle quattro spezie: è composta da noce moscata, pepe, chiodi di garofano e cannella, alcune varianti anche zenzero. Proviene dalla Francia ed è molto usata per aromatizzare zuppe, ragù, salsicce e biscotti secchi. Una variante italiana che le somiglia molto è il “pisto napoletano” utilizzato per i dolci natalizi tipici partenopei.

Svanuri Maril: conosciuta anche come sale di Svaneti, ha un sapore piccante e pungente. E’ composta da coriandolo, peperoncino, fieno, pepe e pepe di Cayenna. Adatta per insaporire le carni e le patate.

Peperoncino: originario delle Americhe attualmente viene coltivato in tutto il mondo. Stimola la digestione, protegge il sistema cardiovascolare. Usato in diverse preparazioni.

Zaatar: originaria dell’Africa è una miscela aromatica composta da timo, sesamo, cumino, issopo, santoreggia e sommacco. Ha molte proprietà benefiche per il nostro organismo.Ideale su carne e verdure o per aromatizzare l’olio.

Sommacco: originaria del bacino mediterraneo già gli antichi romani la utilizzavano in sostituzione all’aceto. Ha un forte potere diuretico ed è un ottimo antiossidante. Si utilizza mescolata all’olio per marinare pesce e verdure.

Berberè: proviene dal Nord Africa ed è una miscela molto aromatica composta da pepe nero, pimento, zenzero, chiodi di garofano, coriandolo, fieno greco, semi di sedano.Tradizionalmente si utilizza sullo spezzatino di manzo e verdure.

Chiodi di garofano: sono le gemme non sbocciate dei fiori di una pianta. Utili in caso di nausea, indigestione e mal di denti. Hanno proprietà analgesiche, basta applicare un paio di chiodi di garofano fra i denti per sentire un immediato beneficio. Il loro odore forte li rende utili per allontanare gli insetti.